Non riesce a pagare i debiti e simula una rapina, denunciato

Un trentunenne si è presentato al pronto soccorso di Crotone con lesioni al volto affermando di essere stato rapinato di 1.400 euro. Ma ha ammesso di essersi ferito da solo per rinviare i pagamenti

Carlomagno campagna novembre 2018

pronto soccorso ospedale crotoneHa simulato una rapina perché impossibilitato a pagare dei debiti. A tanto è arrivato un trentunenne di Crotone che si è presentato al Pronto soccorso con vistosi graffi e lesioni al volto. L’uomo ha raccontando di essere stato poco prima avvicinato da un’auto sulla statale 106 il cui conducente, sbarrandogli la strada, era sceso per poi picchiarlo e rapinarlo di 1.400 euro.

Ma la sua versione, apparsa subito surreale, non ha convinto i poliziotti del posto di guardia del nosocomio ai quali l’uomo ha confessato di essersi inventato tutto, procurandosi lui stesso le ferite al volto, nel disperato tentativo di rinviare dei pagamenti relativi a delle finanziarie in scadenza. L’uomo è stato così denunciato dalla Polizia di Stato alla procura della Repubblica di Crotone con l’accusa di procurato allarme.