Omicidio a Crotone, due arresti

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Squadra mobileSvolta nelle indagini per l’omicidio di Stefano D’Arca, il 54enne freddato davanti a un locale la scorsa notte nel centro di Crotone. La Squadra mobile pitagorica a stretto giro di indagini ha arrestato Francesco Pezziniti, 77 anni, ritenuto l’autore materiale dell’omicidio e il nipote Giuseppe Cortese, accusato di concorso nel delitto.

Secondo quanto è emerso tutto è iniziato nel Bar Moka, in pieno centro. E’ lì, secondo quanto ricostruito, che è iniziata una violenta lite tra i tre, sulle cui cause scatenanti ci sono indagini. Un litigio poi degenerato fuori dal locale. Da una parola all’altra iniziano gli spintoni e gli schiaffi.

Poi il peggio: il nonno del ragazzo, con un’arma pare illegalmente detenuta, avrebbe esploso numerosi colpi di arma da fuoco centrando D’Arca in più parti vitali del corpo. La vittima, soccorsa, è morta poco dopo in ospedale. A fornire elementi fondamentali nelle indagini la visione delle immagini di video sorveglianza e le testimonianze rese subito dopo l’omicidio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER