Incendio a Villaggio Palumbo, in Sila, morto il presunto autore

L'uomo, 55 anni, era stato arrestato dai carabinieri perché lo ritenevano il responsabile del rogo appiccato in Sila. Ustionato sul 50% del corpo è deceduto a Catania

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
incendio villaggio Palumbo
I vigili del fuoco domano le fiamme a Villaggio Palumbo

E’ morto nel Centro grandi ustionati di Catania, Vincenzo Teti, di 55 anni, l’uomo ritenuto l’autore dell’incendio delle “cupole” del villaggio turistico “Palumbo”, a Cotronei, in Sila.

L’uomo era stato ricoverato, con bruciature sul 50% del corpo e in stato di semi incoscienza, dopo essere stato arrestato dai carabinieri. I militari, ipotizzando che l’autore del rogo potesse essere rimasto ferito, avevano seguito le tracce di sangue ed erano arrivati nell’abitazione del 55enne.

Ringraziandoti per il seguito, ti preghiamo di mettere MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

All’uomo, in ragione delle sue condizioni di salute, non era stata applicata alcuna misura cautelare. Nell’incendio, avvenuto nella notte del 6 marzo erano andati distrutti un ristorante, una galleria d’arte, un negozio di bigiotteria e uno di abbigliamento.

Teti, commerciante, ritenuto appartenente ad una cosca di ‘ndrangheta della zona era stato coinvolto nell’inchiesta del maggio 2014 che culminò nell’operazione “Tabula Rasa” ma era successivamente stato assolto, sentenza confermata anche in appello.

Incendio distrugge cinque negozi nel crotonese, indagini dei carabinieri