Rintracciata la madre del neonato trovato morto a Cirò

E' una ragazza moldava di 22 anni. Ha ammesso che era rimasta incinta nel suo paese e che ha partorito in casa dell'anziana. Ha detto che Il bimbo è nato morto e lo ha seppellito in giardino.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

carabinieriI carabinieri della Stazione di Cirò Superiore a seguito di serrate indagini iniziate la sera del ritrovamento del corpo senza vita del neonato seppellito nel giardino di una casa di Cirò (Crotone) hanno rintracciato la madre del bambino.

La donna, una cittadina moldava ventiduenne, aveva svolto l’incarico di badante nella casa dove è stato rinvenuto il cadavere fino al dicembre scorso quando poi aveva deciso di lasciare il suo impiego a Cirò per trasferirsi in un paese della provincia di Lecce.

La giovane, sentita in merito all’evento, ha dichiarato di essere rimasta incinta nel suo paese di origine, che poco prima di Natale avrebbe partorito in casa senza l’aiuto di nessuno e che, secondo la sua versione, il bambino sarebbe nato morto. In seguito, presa dal panico, avrebbe seppellito il corpicino nel giardino dell’abitazione.

Fondamentali a questo punto saranno i risultati dell’autopsia che si sono svolti nella giornata di oggi e che forniranno importanti elementi al fine di definire se la donna, già iscritta nel registro degli indagati, dovrà rispondere solo di occultamento di cadavere o anche di infanticidio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER