Perde la testa per figlia dell’amico e la perseguita, in carcere per stalking

Secondo l'accusa un 53enne ossessionava la donna con pedinamenti, violenze verbali e minacce, fino ad appiccare un incendio nella sua abitazione. Si era nascosto sopra l'armadio

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Volante della PoliziaHa tentato di sfuggire alla cattura nascondendosi sopra un armadio nella sua abitazione, ma gli agenti della Questura di Crotone lo hanno ugualmente rintracciato e arrestato. Maurizio Pugliese, di 53 anni, è accusato di stalking nei confronti di una 28enne, figlia di un suo amico, di cui si era invaghito.

Secondo l’accusa l’ha ossessionata con pedinamenti, violenze verbali, minacce sui social, fino ad appiccare un incendio nella sua abitazione. Nell’occasione si era portato dietro la figlia di 10 anni facendole fare il “palo”.

Solo l’intervento delle Volanti e dei Vigili del fuoco impedì che il rogo divampasse violentemente. La donna, costretta a lasciare la propria casa, ha sporto denuncia agli agenti delle Volanti e nei confronti di Pugliese – già noto alle forze dell’ordine per reati quali violenza sessuale, riduzione in schiavitù, sequestro di persona – è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ma l’uomo si era reso latitante. La Squadra mobile, infine, l’ha individuato nella sua abitazione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER