Clandestini a Cirò, presi gli scafisti. Hanno incassato oltre 220mila euro

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

CROTONE – Due scafisti ucraini di 45 e 48 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Cirò perché ritenuti responsabili dello sbarco di 57 immigrati clandestini avvenuto ieri mattina a Marinella di Cirò, nel crotonese.

L’accusa per loro è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in concorso. I due, secondo l’accusa, hanno condotto l’imbarcazione a vela, battente bandiera turca, dalle coste della Turchia alla Calabria, ad un costo tra i 4 e i cinquemila euro a testa.

Il provento illecito di questo viaggio è stimato in oltre 220mila euro. Un enorme business gestito dalla mafia della tratta di esseri umani. Dopo lo sbarco dei migranti, i due sono stati condotti nella caserma della Compagnia di Cirò Marina per l’identificazione.

Qui i militari dell’Arma hanno scoperto nella memoria del telefono dei due uomini ucraini il video che li ritraeva mentre erano al timone del veliero. Video che è stato mostrato ai migranti che li hanno riconosciuti come i due scafisti. Gli ucraini dopo le formalità di rito sono stati associati nel carcere di Crotone.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM