Sbarco di 56 immigrati a Crotone, in cella tre scafisti

Carlomagno campagna Jeep Compass Ottobre 2019
Archivio

Tre persone, due ucraini e un russo, sono stati fermati dalla Polizia di Crotone e dalla Guardia di finanza poiché ritenuti gli scafisti dello sbarco con 56 migranti a bordo giunti sulle coste ioniche lo scorso 11 settembre e poi fatti sbarcare nel porto pitagorico. Sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I tre – riferisce la Questura -, secondo quanto dichiarato nell’immediatezza dai migranti, una volta giunti in prossimità della costa, si erano allontanati a bordo di un tender e, nella mattinata del 12 settembre, sono stati rintracciati nelle vicinanze del bar “Nettuno”, mentre, muniti di regolare biglietto, erano in procinto di partire in autobus alla volta di Napoli.

Le ulteriori dichiarazioni rese da alcuni miranti hanno consentito di acclarare la responsabilità dei soggetti in merito alla ipotesi di reato di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

I tre individui sono stati pertanto sottoposti a fermo di indiziato di delitto ed associati in carcere su disposizione del pm di turno della Procura della Repubblica di Crotone.