Caso piscina a Crotone, il gip revoca il divieto di dimora al sindaco Pugliese

Il provvedimento era stato emesso nell'ambito di un'inchiesta della Procura sull'affidamento diretto della piscina comunale al consorzio "Daippo". Lui comunque le sue dimissioni. "Voglio difendermi nel processo"

Carlomagno Faro istituzionale
Il sindaco di Crotone Ugo Pugliese

Il Gip di Crotone, Michele Ciociola, ha revocato la misura del divieto di dimora che aveva emesso, su richiesta della Procura della Repubblica, a carico del sindaco, Ugo Pugliese, nell’ambito di un’inchiesta sull’affidamento diretto al consorzio sportivo “Daippo” della gestione della piscina comunale. La decisione è stata presa a conclusione dell’interrogatorio di garanzia cui Pugliese é stato sottoposto con l’assistenza del suo difensore di fiducia, l’avvocato Francesco Laratta.

Pugliese ha comunque espresso la sua volontà di dimettersi da sindaco, carica dalla quale era stato sospeso in base alla Legge Severino, “indipendentemente – ha detto – dalla misura adottata e dall’esito dell’interrogatorio di garanzia”, nel momento in cui il prefetto lo reintegrerà, “per potere essere libero di difendersi nel processo e potere dimostrare a tutti, in maniera inequivocabile, di essere estraneo a tutti i fatti contestati e di non essere assolutamente ancorato ad alcun incarico o poltrona”.