Tenta di estorcere denaro a un crotonese, in manette

Protagonista un milanese di 43 anni che aveva minacciato un passante con un coltello. All’esito dell’udienza di convalida dinanzi al Tribunale di Crotone, l'aggressore è stato condannato a 3 anni di reclusione e a 400 euro di multa. Per lui il foglio di via


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Brandendo un coltello ha aggredito e tentato di estorcere denaro ad un passante di Crotone. La vittima, terrorizzata, ha chiesto aiuto ad un agente della Polizia municipale che notato l’aggressore fuggire ha allertato la Polizia. Gli agenti delle Volanti intervenuti sul posto hanno rintracciato il tizio e hanno fatto fatica a fermarlo poiché inveiva contro di loro anche con dei calci.

Bloccato e condotto in Questura, l’aggressore, C.A., milanese di 43 anni, è stato dichiarato in arresto per il reato di tentata estorsione e denunciato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale; gli agenti inoltre dopo essere stati spintonati ed aver subito diversi calci, sono stati refertati, riportando lievi traumi alle braccia e alle gambe.

All’esito dell’udienza di convalida dinanzi al Tribunale di Crotone, l’aggressore è stato condannato alla pena di 3 anni di reclusione e a 400 euro di multa. All’uomo gli agenti della Polizia di Stato hanno notificato successivamente il Foglio di Via Obbligatorio emesso dal Questore di Crotone con il quale si impartisce l’obbligo al soggetto di non far rientro sul territorio del Comune di Crotone per un periodo di tre anni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER