Ballottaggi, Falcomatà e Voce eletti sindaci di Reggio Calabria e Crotone

Al doppio turno negli altri quattro centri calabresi il Centrodestra perde a Castrovillari (sindaco è il dem Lo Polito) e vince a San Giovanni in Fiore con Rosaria Succurro, mentre la Lega con Roy Biasi conquista in solitudine Taurianova. A Cirò Marina vince il civico Ferrari

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Giuseppe Falcomatà, del Pd sostenuto dal centrosinistra, è il nuovo sindaco di Reggio Calabria. Falcomatà è stato eletto al turno di ballottaggio con il 58,36% pari a 44.069 voti. Non c’è l’ha dunque fatta Antonino Minicuci, espressione della Lega sostenuto dal centrodestra, a scalzare il sindaco uscente. Minicuci, a scrutinio terminato, ha ottenuto il 41,64%, pari a 31.438 voti.

Grande sorpresa a Crotone dove il nuovo sindaco della città è Vincenzo Voce, candidato civico che si è imposto con il 63,95% (16.434 voti). Lo sfidante del Centrodestra Antonio Manica, arrivato in testa al primo turno, si è fermato al 36,05 percento, pari a 9.265 preferenze.

Reggio Calabria e Crotone erano gli unici capoluoghi di provincia calabresi a rinnovare sindaci e consigli comunali.

Affluenza in nettissimo calo al ballottaggio. Tra domenica e lunedì a Reggio Calabria ha votato il 52,29% degli elettori, quando al primo turno i votanti sfiorarono il 67%, quando però si votò anche per il referendum costituzionale. Ancora più marcata la differenza a Crotone dove solo il 52,10% degli aventi diritto si sono recati alle urne. Il 20 e 21 settembre l’affluenza è stata quasi 68%.

Al ballottaggio negli altri quattro centri calabresi il centrodestra perde a Castrovillari e vince a San Giovanni in Fiore, mentre la Lega conquista in solitudine Taurianova. A Cirò Marina vince il civismo.

A Castrovillari riconferma per Domenico Mimmo Lo Polito, sindaco per la terza volta, che con il 52,72% (5.807 preferenze) ha sconfitto il rivale Giancarlo Lamensa, del centrodestra, il quale ha ottenuto il 47,28%, pari a 5.208 voti. Lamensa, arrivato primo quindici giorni fa, ha perso per seicento voti.

Successo a San Giovanni in Fiore per Rosaria Succurro, forzista sostenuta dal centrodestra, che diventa sindaco del centro silano battendo Antonio Barile con il 54,06%, pari a 4.814 voti. Barile, ex sindaco della città ed ex di Forza Italia, ha ottenuto con una sola lista 4.091 preferenze pari al 45,94%.

A Taurianova il nuovo sindaco è Roy Biasi, della Lega, che ha ottenuto 59,18% dei voti, pari a 4.137 preferenze. Biasi batte Fabio Scionti, dem sostenuto dal centrosinistra che si è fermato al 40,82%, percentuale pari a 2.854 preferenze. A Taurianova Fratelli d’Italia e Forza Italia e alcune civiche avevano presentato un altro candidato, Daniele Prestileo, che al primo turno ha ottenuto il 22,96%.

A Cirò Marina il nuovo sindaco è Sergio Ferrari, espressione di tre liste civiche. Ferrari ha ottenuto la poltrona di primo cittadino con il 56,52%, pari a 3.744 preferenze. Lo sfidante Giuseppe Dell’Aquila, anch’egli sostenuto da civiche, si è fermato al 43,48 percento, pari a 2.880 voti.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM