Guidava un tir con due tachigrafi, denunciato dalla Polstrada di Crotone

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Archivio

La Polizia stradale di Crotone ha denunciato un autotrasportatore sorpreso a circolare con un tir con due tachigrafi, il famoso dispositivo digitale che annota informazioni sulla sicurezza stradale, in particolare sui tempi di guida e di riposo del conducente.

L’autista del tir, evidentemente per accorciare i tempi di viaggio e di consegna, ha utilizzato le due schede tachigrafiche sia con il proprio documento, che con il documento di un suo collega, che aveva presentato denuncia di smarrimento.

In sostanza, terminati i tempi di guida con una scheda, il conducente furbo si rimetteva alla guida con l’altro tachigrafo. Un espediente che risulta molto pericoloso per la sicurezza stradale. Per questo motivo per lui è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria competente per il reato di omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Rischia da sei mesi a cinque anni di reclusione.

Nell’ambito dello stesso servizio “Truck and Bus”, la Polstrada crotonese, guidata dal commissario capo Emanuele Garofano, ha effettuato anche numerosi controlli nel settore del trasporto merci (anche proveniente dall’estero) e verso gli autobus adibiti al trasporto delle persone.

In meno di una settimana sono stati controllati 37 veicoli tra autobus e mezzi pesanti, accertate 33 infrazioni al Codice della Strada, decurtati 74 punti, una patente ritirata, nonché un controllo amministrativo effettuato ad un’azienda di autolinee per il trasporto persone.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB