Scoperto centro scommesse abusivo, una denuncia e 150mila euro di multa


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I finanzieri del Comando Provinciale di Crotone hanno scoperto e sequestrato un centro scommesse irregolare a Strongoli. Una denuncia e 150mila euro di sanzioni.

Le Fiamme gialle, al termine di un’attenta analisi di rischio condotta attraverso l’uso delle sofisticate banche dati in uso al corpo della Guardia di Finanza e, dopo aver compiuto preliminari sopralluoghi, hanno proceduto all’esecuzione di un accesso presso un negozio esercente l’attività di commercializzazione di articoli da pesca sportiva, in Marina di Strongoli.

L’operazione ha permesso di accertare la presenza di tre postazioni internet che consentivano la connessione a piattaforme di gioco online per effettuare giocate su eventi sportivi senza le necessarie concessioni ed autorizzazioni.

Inoltre i finanzieri, nel corso del controllo, hanno avuto modo di accertare la mancata affissione, all’interno dei locali, della tabella dei giochi proibiti, prevista dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

All’esito dell’ispezione le Fiamme gialle pitagoriche hanno proceduto al sequestro amministrativo di tutte le apparecchiature strumentali alla raccolta delle scommesse, alla verbalizzazione finalizzata all’irrogazione delle sanzioni pecuniarie, quantificabili complessivamente in circa 150 mila euro, ed al deferimento del titolare, alla locale Procura della Repubblica per le connesse violazioni di legge.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM