‘Ndrangheta in Emilia, sette secoli di carcere per 91 imputati

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Sono in totale quasi 700 gli anni di reclusione inflitti dalla Corte d’Appello di Bologna per i 118 imputati del maxiprocesso “Aemilia”, contro la cosca di ‘ndrangheta Grande Aracri di Cutro ramificata in Emilia-Romagna. La procura generale aveva chiesto pene per circa mille anni.

I condannati sono stati 91, mentre ci sono state 27 tra assoluzioni, proscioglimenti e prescrizioni. Condanna a due anni confermata per Vincenzo Iaquinta, imputato non per mafia ma per reati di armi. All’ex calciatore, campione del mondo nel 2006, i giudici hanno concesso però il beneficio della sospensione condizionale.

Il padre del campione, l’imprenditore Giuseppe Iaquinta, accusato di associazione mafiosa, si è visto ridurre la pena da 19 a 13 anni. I giudici hanno letto un lungo dispositivo nell’aula bunker della Dozza, per i 118 imputati.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM