Aveva capi contraffatti e tenta di corrompere i carabinieri, arrestato

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Santa Severina, tenta il suicidio e avverte lamico su Fb, ragazza salvata dai Carabinieri

Aveva con sé cinque grammi di marijuana e dei capi contraffatti. Ad un controllo dei carabinieri di Petilia Policastro ha però tentato di corrompere i militari offrendogli duemila euro che dovevano servire come “lasciapassare”.

Per questo un ambulante di 59 anni è stato arrestato per istigazione alla corruzione, mentre un 39enne è stato invece denunciato per porto ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere.

Nel corso di un normale controllo effettuato lungo la statale  107, sono stati trovati in possesso, il primo di grammi 5 di marijuana e di capi di vestiario contraffatti ed il secondo di un coltello a serramanico.

Il 59enne, nel corso dei controlli, ha tentato di corrompere i carabinieri, offrendogli la somma di euro 2.000, per indurli a “chiudere un occhio”, ma è stato immediatamente arrestato e, come disposto dal pm della Procura della Repubblica di Crotone, tradotto
presso la Casa Circondariale di Crotone.