67 migranti in barca a vela a Isola Capo Rizzuto, fermati gli scafisti

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Una barca a vela battente bandiera statunitense, con a bordo 67 migranti di origine iraniana e irachena, è stata intercettata dal Servizio Navale della Guardia di Finanza a poche miglia da Isola Capo Rizzuto. Il monoalbero, condotto da due cittadini di nazionalità moldava che sono stati fermati, aveva a bordo anche due donne, un bambino e due minori.

L’avvistamento dell’imbarcazione è avvenuto grazie all’attività coordinata svolta dai reparti costieri del Reparto Operativo Aeronavale di Vibo Valentia e dai velivoli specializzati coordinati dal Comando Operativo Aeronavale di Pomezia. La barca a vela, che esteriormente appariva come un innocuo natante da diporto, era partita presumibilmente dalla Turchia per giungere verso le coste italiane nel cuore della notte e sbarcare in condizioni precarie le persone a bordo, prima di tentare di darsi alla fuga. I militari del Reparto operativo aeronavale di Crotone, allertati dalla ricognizione aerea, hanno presidiato con due unità veloci la costa nel punto di probabile avvicinamento bloccando in sicurezza l’imbarcazione e sorprendendo i due presunti scafisti moldavi.

Il natante è stato poi condotto in condizioni di sicurezza nel porto di Crotone. Nella rotta di avvicinamento è intervenuta anche una motovedetta delle Capitanerie di porto che ha operato in sinergia con i finanzieri perché le operazioni fossero condotte ai massimi livelli di sicurezza. A terra intanto era stato predisposto il dispositivo per la profilassi sanitaria dei migranti che sono stati poi trasferiti nelle strutture di accoglienza. Gli scafisti fermati sono stati messi a disposizione dell’autorità giudiziaria. Dovranno rispondere di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sottoposta a sequestro l’imbarcazione.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM