Taglia bosco e arbusti di macchia mediterranea, denunciato

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Ha eseguito, senza autorizzazione, il taglio e l’estirpazione di macchia mediterranea in un terreno di proprietà privata a Crotone. Un settantenne, esecutore materiale dei lavori, è stato denunciato dai carabinieri forestali che hanno posto sotto sequestro l’area, con una superficie tagliata che ammonterebbe a circa 13.000 mq.

I militari, nel corso di un controllo del territorio in contrada Suvaretto, hanno accertato l’attività svolta ai danni della vegetazione arborea e arbustiva presente e che costituiva a tutti gli effetti un bosco con la presenza di specie tipiche della macchia mediterranea come quercia da sughero, orniello, perastro, oleastro, frammisti a lentisco, erica arborea.

La superficie di circa un ettaro, che era stata dissodata e livellata, presentava ancora in alcune zone le ceppaie degli alberi estirpati e la legna e il frascame tagliato. Sul posto, i militari hanno trovato il settantenne, residente a Strongoli, che aveva realizzato i lavori e l’escavatore cingolato utilizzato.