Nuovo sbarco nel crotonese, approdati 161 migranti


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Ansa

Nuovo sbarco sulle coste crotonesi. Sono 161 i migranti approdati, dopo avere viaggiato a bordo di un’imbarcazione, sulla spiaggia di località Capo Cimiti nel comune di Isola Capo Rizzuto.

La barca, un motopeschereccio sfuggito ai controlli, si è arenata nelle prime ore del mattino a qualche decina di metri dalla tratto di costa ed i migranti hanno percorso un tratto di mare per raggiungere la terraferma. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine che hanno rintracciato 161 persone (di cui 126 provenienti dal Pakistan e poi piccoli gruppi da Afghanistan e Bangladesh. Diversi i minori, circa una quarantina, e due donne entrambe provenienti dalla Somalia.

Le operazioni di rintraccio dei migranti sono state coordinate dalla Questura di Crotone. E’ stata fatta anche intervenire una squadra Saf dei vigili del fuoco del comando provinciale di Crotone per la ricerca di eventuali dispersi in mare che ha dato esito negativo. I 161 migranti sono stati trasferiti a bordo degli autobus della Croce rossa Italiana nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto dove, dopo essere sottoposti a tamponi, dovranno attendere la quarantena prima di essere trasferiti in altri centri. Lo sbarco di oggi è il secondo in meno di 24 ore nel crotonese dove ieri erano arrivati nel porto di Crotone 48 migranti soccorsi su una barca alla deriva.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER