Migranti, fermati due presunti scafisti per sbarco a Crotone


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Sbarco migranti a Corigliano, fermati i due scafisti
archivio

Sono stati individuati e fermati dalla Squadra mobile di Crotone due scafisti di nazionalità turca che avrebbero condotto lo sbarco avvenuto nella mercoledì 3 novembre. I due sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

In particolare, nella prima mattinata sono giunti in località Capo Cimiti del Comune di Isola di Capo Rizzuto 161 migranti di diverse nazionalità (pakistani, afgani, bengalesi, somali e turchi), appena sbarcati da un motopeschereccio rimasto poi incastrato nella scogliera. Sin dalle prime ore successive allo sbarco, l’attenzione degli investigatori si è concentrata su due soggetti di nazionalità turca, individuati ad una distanza di 5 chilometri dal luogo dello sbarco, mentre cercavano di eludere i controlli delle forze dell’ordine nel tentativo di dileguarsi nella folta vegetazione che caratterizza le zone circostanti.

Personale della Squadra mobile ha quindi effettuato un controllo sui loro telefoni cellulari per estrapolare dati utili a suffragare l’ipotesi investigativa iniziale. Dal controllo sono emersi filmati e fotografie riproducenti sostanzialmente i due soggetti durante il viaggio verso la Calabria. Inoltre sono stati trovati documenti che hanno permesso di identificare i due come scafisti. Con il il coordinamento della Procura della Repubblica di Crotone, le attività investigative sono proseguite consentendo la sottoposizione a fermo dei due.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER