Omicidio a Verzino, confessa il presunto autore


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Tribunale di Crotone

Ha confessato Vito Avenoso, il boscaiolo 64enne che sabato scorso a Verzino, nel crotonese, ha
ucciso con alcuni colpi di fucile, al culmine di una lite, il genero, Luigi Greco, di 44 anni, anch’egli boscaiolo. Lo riporta l’Ansa.

Il 64enne ha anche ferito alla testa il figlio della vittima, Francesco, di 18 anni, che è ricoverato, in coma farmacologico, nell’ospedale di Crotone.

Avenoso avrebbe ammesso le sue responsabilità nel corso dell’udienza di convalida davanti al Gip del suo fermo, eseguito dai carabinieri nell’immediatezza dell’omicidio. Ad Avenoso vengono contestati i reati di omicidio, aggravato dalla premeditazione; tentato omicidio e detenzione e porto di
arma clandestina.

Il boscaiolo, difeso dall’avvocato Peppino Mariano, nel corso dell’udienza ha detto che non era sua intenzione sparare al nipote. Avenoso ha aggiunto che il movente dell’omicidio è legato a dissidi familiari che si trascinavano da tempo.

Il gip, a conclusione dell’udienza, ha convalidato il fermo del 64enne, disponendone la custodia cautelare in carcere.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER