Ai domiciliari aggredisce e perseguita l’ex moglie, in carcere


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

stalking

I carabinieri hanno arrestato a Strongoli (Crotone) un uomo di 65 anni, R.R., già ai domiciliari per maltrattamenti in famiglia nei confronti dell’ex moglie durante la loro convivenza, con l’accusa di atti persecutori, rapina ed evasione nei confronti dell’ex moglie.

L’arresto è stato fatto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Crotone su richiesta della Procura.

Secondo quanto emerso dalle risultanze investigative, l’uomo, a partire dallo scorso mese di agosto, ogni qualvolta notava passare per strada l’ex coniuge a piedi o in macchina, avrebbe inveito nei suoi confronti, minacciandola di morte e rivendicando la proprietà del veicolo intestato alla donna.

In particolare lo scorso 20 marzo, alla presenza dei due figli minori, e il primo di aprile, malgrado fosse già ai domiciliari, alla vista della donna sarebbe uscito dalla sua abitazione e le avrebbe sferrato un pugno al petto impadronendosi delle chiavi del veicolo oggetto delle sue rivendicazioni. Al termine degli accertamenti, il sessantacinquenne è stato condotto nel carcere di Catanzaro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER