Aveva 2,5 kg di droga nel garage, arrestato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

La Polizia di Stato di Crotone ha arrestato un uomo con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nello specifico, nel corso di una perquisizione domiciliare nell’abitazione del soggetto, poi estesa anche al garage che lo stesso aveva in uso, i poliziotti hanno rinvenuto una notevole quantità di sostanza stupefacente.

Proprio all’interno del garage gli operatori hanno rinvenuto, in alcune scatole ed in uno zaino, vari panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish e alcune buste contenenti sostanza erbosa del tipo marjuana.

Tutta la droga rinvenuta veniva posta sotto sequestro e, dopo essere stata analizzata presso il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, emergeva che si trattava di circa 1,2 kg di marjuana e 1,2 kg di hashish.

Inoltre, all’interno del garage, venivano anche rinvenuti buste con semi di marjuana e altro materiale utile per la coltivazione dello stupefacente.

Pertanto, l’uomo veniva tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio e, dopo aver notiziato l’Autorità giudiziaria, il soggetto veniva condotto presso il proprio domicilio in regime di detenzione domiciliare in attesa della celebrazione del rito direttissimo all’esito del quale l’arresto veniva convalidato e, dopo la richiesta di patteggiamento, allo stesso è stata applicata la pena di un anno e dieci mesi di reclusione e 6mila euro di multa.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER