Esplosione su barca a Crotone, scoppio avvenuto per una scintilla

Stavano saldando alcune parti vicino il serbatoio di carburante. Tre le vittime, un egiziano e due indiani. Il ferito grave trasferito a Bari

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Nel pomeriggio di ieri, all’interno del porto vecchio di Crotone, si è verificata una esplosione a bordo dell’imbarcazione commerciale, battente bandiera della Repubblica di Palau, denominata “Asso Malakal Harbor”, che ha provocato la morte di tre cittadini stranieri, un egiziano e due indiani, ed il ferimento grave di un altro componente dell’equipaggio, in quel momento impegnati in lavori di manutenzione dell’unità navale, ferma nel porto cittadino dallo scorso 26 agosto perché in avaria. Lo fa sapere la Questura di Crotone.

Le squadre dei Vigili del Fuoco intervenute hanno domato le fiamme e messo in sicurezza la zona, mentre operatori della Squadra Mobile e dell’Ispettorato del Lavoro hanno immediatamente avviato le indagini, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone.

Da una prima ricostruzione dei fatti – secondo la Questura- risulta che i membri dell’equipaggio erano intenti ad eseguire lavori di saldatura sullo scafo, e una scintilla avrebbe innescato l’esplosione del serbatoio del carburante, con il conseguente ribaltamento di uno dei due containers collocati a poppa, che ha cagionato la morte di almeno uno dei predetti.

I soggetti deceduti sono stati così identificati:
ALI AIAD MOHAMED, nato in Egitto il 21.01.1981, capitano dell’imbarcazione;
MEHRA GULSHAN, nato in India il 21.06.1996;
BISWAS SHYAMAL, nato in India il 20.03.1985.

Il soggetto ferito, CHANDERMOHAN SINGH, nato in India il 15.01.1995, è stato trasportato presso l’ospedale civile di questo capoluogo in gravi condizioni e poi trasferito a Bari.

Le attività investigative proseguono, al fine di chiarire definitivamente quanto accaduto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER