Omicidio Parretta, la Cassazione conferma l’ergastolo per l’autore

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Da sinistra la vittima Giuseppe Parretta e Salvatore Gerace
Da sinistra la vittima Giuseppe Parretta e Salvatore Gerace

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’ergastolo per Salvatore Gerace, di 60 anni, riconosciuto colpevole dell’omicidio del 18enne Giuseppe Parretta, avvenuto il 13 gennaio 2018 a Crotone.

La Cassazione ha rigettato totalmente il ricorso di Gerace contro la condanna alla prigione a vita che gli era stata inflitta nei primi due gradi di giudizio.

Diventa così definitiva la sentenza per un fatto di sangue che sconvolse la città di Crotone. Come è stato ricostruito nel corso del processo, Gerace, già noto alle forze dell’ordine, era ossessionato dall’idea che Giuseppe Parretta lo spiasse per riferire poi a fantomatici individui che avrebbero voluto assassinarlo.

Per questo il 13 gennaio del 2018, dopo aver visto dalla sua abitazione arrivare il giovane alla guida di una moto, pensando che il mezzo fosse stato acquistato con i soldi che Giuseppe aveva ricevuto per averlo spiato, Gerace è entrato nella sede dell’associazione Libere Donne presieduta da Caterina Villirillo, madre del ragazzo, ed ha sparato contro Giuseppe prima ferendolo e poi finendolo con un colpo al cuore da distanza ravvicinata.

La Cassazione ha rigettato il ricorso di Gerace che puntava ad annullare l’aggravante della premeditazione che, invece, era stata riconosciuta in primo grado dalla Corte d’Assise di Catanzaro secondo la quale l’omicidio volontario con premeditazione era “chiaramente desumibile” dai mezzi usati (revolver), dal numero di colpi sparati verso zone vitali, dalla loro esplosione in rapida successione puntando a ferire la vittima, unico maschio in casa, per ridurre le sue possibilità di reazione e dalla dinamica del colpo di grazia.

Soddisfazione per l’esito del processo è stata espressa dall’avvocato Emanuele Procopio che rappresentava la famiglia di Giuseppe come parte civile: “Siamo soddisfatti che il lavoro che abbiamo fatto abbia permesso di ottenere la condanna all’ergastolo per tre gradi di giudizio. Sicuramente non possiamo essere contenti perché questa tragedia ha portato via ad una famiglia un ragazzo di 18 anni”.