Naufragio migranti, Piantedosi a Crotone: “Barcone incagliato in una secca”

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi a Crotone (Adnkronos)

“Dalle prime ricostruzioni, la distruzione” del barcone “è avvenuta per un incaglio in una secca. Questo testimonia la condizione di estrema precarietà con cui si è messa in moto questa imbarcazione”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi al termine della riunione in prefettura a Crotone sul naufragio del barcone nelle acque di Steccato di Cutro, nel crotonese.

“Al momento ci sono 59 deceduti e 81 persone tratte in salvo”, ha spiegato il ministro, aggiungendo che tra le vittime figurano 14 minori. “Sembrerebbe ci siano altri 20-30 dispersi”, ha affermato, spiegando comunque che non si hanno certezze. “Sono comunque dati molto orientativi”, indicazioni basate su “riferimenti dati da chi era a bordo”, ha aggiunto il ministro.

“La mia presenza qui era doverosa, è il segnale di attenzione dello Stato”, ha detto Piantedosi. “Mi chiedo – ha aggiunto – come sia possibile che vengano organizzate traversate di questo tipo, come sia possibile spingersi fino al punto di coinvolgere donne e bambini in traversate che si rivelano tragicamente pericolose”.