Porto di Gioia Tauro, il prefetto dispone l'accesso antimafia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Porto di Gioia Tauro, il prefetto dispone l'accesso antimafia - Il Prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino
Il Prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino

Dopo il mega sequestro di stupefacenti al porto di Gioia Tauro (344 chili di cocaina in due distinti carichi, ndr), il prefetto di Reggio Calabria, Claudio Sammartino, ha disposto un accesso antimafia nel porto calabrese.

L’accesso, eseguito da un gruppo interforze composto da Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza e Dia, ha lo scopo di accertare eventuali ingerenze della ‘ndrangheta nella gestione di imprese commerciali che operano nello scalo. All’accesso partecipa il personale dell’Azienda sanitaria provinciale e dell’Ispettorato del Lavoro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER