Sequestrate 34,5 tonnellate di rifiuti speciali al porto di Gioia Tauro


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Sequestrate 34,5 tonnellate di rifiuti speciali al porto di Gioia TauroI finanzieri del Gruppo di Gioia Tauro, insieme a funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno individuato tre container contenenti 34.435 chili di rifiuti speciali contenuti in tre container di cui uno proveniente dal Belgio con destinazione finale in Egitto e due provenienti da Genova e destinati negli Emirati Arabi Uniti.

L’operazione ha consentito, dopo una serie di incroci documentali e successivi controlli, l’individuazione del carico illecito in transito nel porto di Gioia Tauro. La merce, secondo la documentazione doganale, era costituita da “ricambi usati di autoveicoli”.

Tuttavia i finanzieri ed i funzionari doganali si sono trovati di fronte a parti di automezzi non sottoposti ai trattamenti di bonifica previsti per legge ai fini della tutela ambientale e quindi da considerare come rifiuti speciali. Un aspetto confermato dall’Arpacal, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER