Molestie a ex mogli, divieto di avvicinamento per due uomini


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Reggio Calabria, perseguita l'ex convivente. Arrestato per stalkingNon si sarebbero rassegnati alla fine del loro matrimonio e avrebbero, per questa ragione, molestato e ingiuriato le ex mogli. Così i Carabinieri del Gruppo Locri, hanno notificato due misure cautelari ad altrettanti ex consorti.

Il primo a Siderno, dove i Carabinieri della locale stazione hanno sottoposto un 34enne del posto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex moglie, una 32enne anche lei di Siderno.

Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Locri che ha concordato in pieno con le risultanze rapportate dell’Arma, è scaturito in esito all’attività investigativa dei Carabinieri di Locri che hanno monitorato il caso scrupolosamente.

In particolare, dal mese di aprile del 2016, l’uomo avrebbe ingiuriato e molestato l’ex moglie con condotte reiterate, cagionandole un perdurante e grave stato d’ansia e paura per la propria incolumità e quella dei propri familiari, tanto da costringerla ad alterare le proprie abitudini di vita. I motivi di ciò sarebbero riconducibili alla fine della relazione sentimentale tra i due.

L’altro caso è Locri. I militari hanno sottoposto un 50enne del posto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex moglie, una 47enne anche lei di Locri. L’uomo, per motivi presumibilmente riconducibili alla rottura del loro matrimonio, dal mese di marzo scorso avrebbe perseguitato la donna ingiuriandola e molestandola con condotte reiterate.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER