150 chili di cocaina al porto di Genova, chiesti 18 anni per Bellocco


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

droga-cocainaGENOVA – Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto la condanna a 18 anni Giuseppe Bellocco, figlio di Gregorio Bellocco dell’omonima ‘ndrina di Rosarno accusato di avere organizzato un traffico di 150 chili di cocaina dal Sudamerica verso Genova.

Il pm ha anche chiesto la condanna a 13 anni e 4 mesi per Gabriele Puleo che avrebbe organizzato il traffico con Bellocco. Per un terzo complice, Igor Cerasa, accusato del tentato omicidio di un finanziere, il pm aveva chiesto all’udienza scorsa la condanna a 16 anni.

I tre erano stati arrestati un anno fa in un garage di Sturla nel corso di una operazione della Dda di Genova e della guardia di finanza. Il pm aveva scoperto che gli esponenti della ‘ndrangheta potevano contare su alcune persone che lavoravano nel porto di Genova le quali indicavano ai trafficanti i container carichi di droga e li aiutavano a trasportarla fuori dallo scalo.

Il filone di inchiesta che riguarda i marittimi non è stato ancora chiuso. Quando i finanzieri arrivarono nel garage dove era nascosta la coca, Cerasa cercò di investirli con un’auto. La sentenza davanti al gup Nadia Magrini è prevista per il prossimo 15 dicembre.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER