Suicidio Omar Pace, Mattiello e legale famiglia chiedono verità

procura repubblica roma“Sono trascorsi otto mesi dalla morte del colonnello Omar Pace: dalla Procura di Roma ancora nessuna notizia; si indaga per capire o si aspetta per archiviare?”.

A scriverlo è il deputato Pd Davide Mattiello, della Commissione parlamentare Antimafia. “Era l’11 aprile, quando Pace si è sparato nel suo ufficio alla Dia di Roma. Da lì a due giorni – ricorda Mattiello – sarebbe dovuto essere a Reggio Calabria per testimoniare al processo che vede imputati tra gli altri l’ex ministro dell’Interno Scajola e i latitanti Matacena e Speziali”.

“Dicono che fosse depresso. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo. Mi rivolgo al Procuratore Pignatone: Abbiamo bisogno di sapere. Anche per poter fare la nostra parte, che per ora si risolve nel continuare a chiedere e nel tenere il conto dei mesi”.

“Ringrazio l’onorevole Davide Mattiello per la sua attenzione alla tragica e oscura morte del colonnello Pace. In qualità di difensore della vedova Pace e dei figli, darò il mio contributo per sollecitare la Procura di Roma affinché non faccia passare altro tempo per dare una risposta concreta ai dubbi che il caso impone” risponde l’avvocato della famiglia, Pablo De Luca