Polsi, si dimette don Pino Strangio dopo l’accusa per mafia

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Don Pino Strangio rettore santuario di Polsi
Don Pino Strangio

Don Pino Strangio non è più il rettore del Santuario della Madonna della Montagna di Polsi, in Aspromonte. Il sacerdote si è dimesso dopo l’indagine sacerdote indagato a suo carico per concorso esterno in associazione mafiosa. Per i magistrati reggini Don Pino avrebbe “contribuito al rafforzamento dell’associazione”.

E’ stato lui stesso a comunicare la sua volontà in una lettera al vescovo di Locri monsignor Francesco Oliva dopo avere ricevuto l’avviso di conclusione indagini notificatogli dalla Dda di Reggio Calabria nell’ambito di un procedimento che sintetizza cinque diversi filoni investigativi. “Chiedo di essere sgravato del carico pastorale che mi impegna in diocesi, secondo le modalità che Vostra Eccellenza riterrà opportuno”, aveva scritto don Pino. Il vescovo di Locri ha accettato la richiesta di dispensa fatta dal parroco di San Luca.

Secondo l’accusa, il religioso “mediava nelle relazioni tra esponenti delle forze dell’ordine, della sicurezza pubblica ed esponenti di rango della ‘ndrangheta”. Il Santuario della Madonna di Polsi è un luogo di culto Mariano noto anche per i summit mafiosi che, secondo quanto è emerso da diverse inchieste, le cosche di ‘ndrangheta vi tenevano in coincidenza della festa dell’1 e 2 settembre per decidere strategie e affari.

Sabato mattina il vescovo di Locri, Francesco Oliva ha incontrato don Pino e don Antonio Saraco ai quali ha consegnato una lettera nella quale accetta la la richiesta di dispensare don Pino dall’incarico di Rettore e lo affida a don Tonino.

“Desidero condividere con voi – ha scritto il prelato – questo momento tanto delicato per la vita del nostro Santuario diocesano di Polsi. Il mio saluto va anzitutto a te, don Pino, che, dopo quasi venti anni di servizio ininterrotto, mi hai chiesto di essere dispensato da un così gravoso impegno pastorale al Santuario, in modo da seguire con piu’ attenzione i tuoi problemi personali”.

“Lasci l’incarico – ha scritto il vescovo – dopo aver speso per esso tante energie e tempo. Hai custodito il Santuario, proteggendolo dai tanti pericoli che “l’aspro monte” nasconde in sé, valorizzandone l’indole accogliente e sapendo ovviare alle difficoltà dovute alle vie di accesso sempre precarie e soggette alle intemperie della stagione invernale”.

“Il Signore ricompensi te ed i tuoi collaboratori per il sevizio svolto. Ora il testimone passa a don Tonino. A te, don Tonino, viene consegnata un’eredità di fede, tradizione, arte, storia e cultura, che sarai chiamato a conoscere, amare e servire. Polsi è nel cuore dell’Aspromonte e della Calabria”.

“Grembo di una Madre che nel corso dei secoli ha accolto e rigenerato tanti suoi figli, ma che ha anche sofferto per le profanazioni subite a causa di fatti e misfatti, di complicita’ e sangue versato da gente senza scrupoli, in nome spesso di una religiosità deviata e non vera”.

“Polsi come grembo di madre – ha concluso mons. Oliva – è chiamata a generare alla vita cristiana ed a convertire i peccatori al Vangelo. Un Vangelo che rifiuta il compromesso col potere del denaro e delle armi, della violenza e dell’arroganza mafiosa. Essere luogo di spiritualita’ e di fede: è questa la sfida su cui si gioca il futuro del nostro Santuario. Dovrai esserne fedele e coraggioso interprete”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB