Riconosciuto colpevole di una rapina, in carcere giovane reggino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Giuseppe Rodà
Giuseppe Rodà

I Carabinieri della Stazione Reggio Calabria–Archi ieri hanno arrestato, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica  presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria – Ufficio Esecuzioni Penali, Giuseppe Rodà, 22enne, domiciliato in città, noto alle forze dell’ordine, già destinatario di avviso orale del Questore di Reggio Calabria.

Il giovane dovrà espiare la pena  residua di 2 anni, 9 mesi e 24 giorni di reclusione poiché riconosciuto colpevole dei reati di rapina aggravata in concorso e porto abusivo di armi  commessi in Reggio Calabria nell’anno 2013.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Arghillà a disposizione della competente Autorità giudiziaria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM