Investita sulla 106, muore a 25 anni Domenica Greco


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Domenica Greco, ennesima vittima della statale 106 ionica
Domenica Greco, ennesima vittima della statale 106 ionica (fb)

Una ragazza di 25 anni, Domenica Greco, è morta lunedì dopo essere stata investita lo scorso 2 maggio sulla statale 106 ionica all’altezza di Saline Ioniche. Lo rende noto l’associazione “Basta vittime sulla strada statale 106”.

La giovane, che viveva a Motta San Giovanni, nel reggino, camminava a piedi quando è stata investita da un mezzo per cause ancora da chiarire. Già grave, la ragazza è stata trasportata agli ospedali riuniti di Reggio Calabria dove è deceduta dopo cinque giorni a causa delle gravi ferite riportate nell’impatto.

Questo è il messaggio apparso sulla pagina Fb dell’associazione: “…Molte sono state le persone che ci hanno inviato un messaggio per dirci chi era Domenica. Una ragazza solare, dolcissima, allegra…Lei era figlia unica e loro erano il suo grande amore. Lei, invece, era l’amore immenso dei suoi due genitori che ora restanno soli… Per questa ragione, l’Associazione, invita tutti gli Iscritti al Gruppo ad un momento di preghiera (laica, cattolica, ecc.), per il papà e per la mamma di Domenica. Affinchè riescano a superare questo momento, affinchè riescano a sentirsi meno soli, affinchè riescano a sopravvivere dopo la perdita di ciò che più ogni altra cosa loro amavano #bastavittime106”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER