Fermato per omicidio stradale l’investitore di Pasquale Sgotto

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
 Pasquale Sgotto
La vittima, Pasquale Sgotto (Fb)

E’ stato sottoposto a fermo e posto ai domiciliari con l’accusa di omicidio stradale, il 20enne di Portigliola che verso la mezzanotte di sabato scorso, sulla statale 106 a Locri, ha investito e ucciso l’imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, e ferito in modo grave la compagna, L.B. coetanea della vittima, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Cosenza.

Il fermo è stato operato dai carabinieri della compagnia di Locri, su disposizione del sostituto procuratore Vincenzo Toscano. La coppia è stata investita mentre stava attraversando la strada per andare a prendere la propria auto e fare rientro a Siderno dopo aver visto un film nel cinema di Locri. Dopo l’impatto Sgotto è morto sul colpo. Il giovane investitore si è subito fermato e nonostante fosse ancora in stato di choc, ha chiamato i soccorsi.