Trasportava illecitamente diamanti, iraniano bloccato al “Minniti”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
 Collana diamanti
I preziosi sequestrati allo scalo di Reggio Calabria

Agenti della Polizia di Stato di Reggio Calabria e i militari della Guardia di Finanza in servizio presso l’aeroporto “Tito Minniti”, hanno denunciato per ricettazione  un iraniano di 52 anni, K.R.R., residente a Milano.

L’uomo, che doveva imbarcarsi per il capoluogo lombardo, al momento dei controlli si è mostrato nervoso, insospettendo così agenti e militari che hanno proceduto ad una perquisizione più approfondita nel bagaglio a mano, all’interno del quale sono stati rinvenuti diamanti per un totale di circa 60 carati (una dozzina di grammi circa) non dichiarati. L’uomo stava trasportando i preziosi senza documentazione idonea e non avrebbe saputo spiegare la provenienza.

Il cittadino iraniano è stato quindi denunciato in stato in stato di libertà per il reato di ricettazione ed i diamanti sono stati sequestrati e posti a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’operazione appena effettuata, spiegano i finanzieri, sottolinea ulteriormente l’attenzione che le forze dell’ordine prestano nel servizio di vigilanza e controllo effettuato presso l’aeroporto che ha l’obietto di garantire la regolarità e l’efficienza nazionale dell’aviazione civile impedendo l’introduzione d il trasporto di articoli illegali sul territorio nazionale.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER