Crollo palco concerto, 5 condanne per operaio morto

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021
Matteo Armellini
L’operaio morto Matteo Armellini

Cinque condanne ed un’assoluzione: è la sentenza emessa dal Tribunale di Reggio Calabria nel processo per la morte di Matteo Armellini, l’operaio romano di 31 anni che morì, il 5 marzo del 2012, a Reggio Calabria causa del crollo del palco allestito al Palacalafiore sul quale si sarebbe dovuta esibire Laura Pausini.

Gli imputati condannati sono Franco Faggiotto (3 anni e 6 mesi), Sandro Scalise (3 anni), Ferdinando Salsano (un anno e 8 mesi) e Pasquale Aumenta e Marcello Cammera (un anno e sei mesi ciascuno). I primi quattro sono tecnici coinvolti a vario titolo nell’organizzazione del concerto, mentre Cammera è l’ex direttore dell’Ufficio tecnico del Comune di Reggio Calabria.

L’accusa per tutti era di omicidio colposo e disastro colposo. E’ stato assolto Maurizio Senese, promoter locale del concerto, mentre per un altro imputato, Gianfranco Perri, è stato dichiarato il non doversi procedere per sopravvenuta prescrizione. (Ansa)

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM