Sequestrati beni per due milioni a imprenditore di Melito Porto Salvo

Carlomagno campagna Jeep Compass dicembre 2018

Guardia di FinanzaBeni per un valore di circa due milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria all’imprenditore di Melito di Porto Salvo, Alberto Pizzichemi, di 48 anni, ex imputato per associazione mafiosa, poi però assolto, poiché ritenuto dalla Dda reggina “contiguo” ai clan di ‘ndrangheta.

La misura chiesta dalla Distrettuale ed emessa dalla sezione misure di prevenzione del tribunale ha interessato 10 beni immobili (tra cui appartamenti e terreni siti in Reggio Calabria e Bologna), l’intero complesso aziendale di una rivendita di tabacchi (sita all’interno di un noto centro commerciale bolognese), nonché altre disponibilità finanziarie.

Le attività svolte, spiega una nota dei finanzieri, che hanno preso spunto dallo sviluppo investigativo di alcune segnalazioni di operazioni sospette inviate dagli intermediari bancari e finanziari, avrebbero consentito di dimostrare come l’imprenditore, operante prevalentemente nel settore degli autotrasporti, operasse nella zona grigia di contiguità alle cosche Iamonte (attiva nella fascia ionica della provincia reggina) e Piromalli (egemone sulla Piana di Gioia Tauro), così come sarebbe inoltre emerso da riscontri operati sulle dichiarazioni di alcuni collaborazioni di giustizia, i quali, nel tempo, hanno indicato quarantottenne quale soggetto vicino alle citate consorterie di ‘ndrangheta.

L’imprenditore, seppur formalmente incensurato perché assolto definitivamente dal delitto di associazione mafiosa, è stato ritenuto dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione inserito “in quella zona d’ombra” contigua alle organizzazioni criminali.

La Corte di Appello, ha evidenziato che Pizzichemi “è un faccendiere che vive ai margini di quella che può essere considerata una zona grigia, fatta di connivenze e collusioni tra mafia, imprenditoria e poteri pubblici”.

Inoltre è stato destinatario nel 2010 di rinvio a giudizio per tentata estorsione, mentre nel 2011 è stato segnalato per frode fiscale mediante l’utilizzo e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti.

La presunta pericolosità del soggetto, secondo gli inquirenti, sarebbe stata aggravata dalle “numerosissime frequentazioni con soggetti pregiudicati o con precedenti di polizia per vari reati, tra cui numerosi soggetti contigui o appartenenti a cosche di ‘ndrangheta”.

In tale contesto, prosegue la nota delle Fiamme gialle, le investigazioni a carattere economico/patrimoniale delegate dalla DDA reggina al IV Gruppo del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria ed eseguite attraverso la ricostruzione dei flussi finanziari e delle vicende economiche dell’intero nucleo familiare dell’imprenditore, oltre a delineare la pericolosità sociale qualificata del proposto, hanno consentito di rilevare che gli investimenti dallo stesso effettuati nel tempo erano del tutto sproporzionati rispetto alle fonti di reddito legittimamente realizzate.

In particolare i finanzieri hanno ricostruito tutti i redditi prodotti dall’imprenditore e dal suo nucleo familiare a decorrere dall’anno 1991 e, confrontandoli con gli acquisti e con gli investimenti effettuati negli anni, hanno dimostrato la netta sproporzione tra i redditi conseguiti e i beni acquisiti e le somme di denaro accumulate.

Così, il Tribunale con il provvedimento ha disposto l’applicazione della misura di prevenzione sull’intero patrimonio dell’imprenditore e su tutti i beni a quest’ultimo riconducibili, anche per interposta persona, che allo stato ammontano a circa due milioni di euro. Le attività esecutive del provvedimento emesso dall’Autorità giudiziaria reggina sono state eseguite con la collaborazione dei militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna.