Picchia e perseguita una nigeriana, in carcere uomo della Guinea

L'uomo è stato rintracciato dalla Polizia nella baraccopoli di San Ferdinando. Dovrà rispondere di atti persecutori, lesioni e danneggiamento a seguito di incendio

Carlomagno campagna novembre 2018
Mamadou Keita
Mamadou Keita

Personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Gioia Tauro ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Mamadou Keita, cittadino 35enne della Guinea.

I reati contestati sono atti persecutori, danneggiamento, danneggiamento a seguito di incendio e lesioni personali. Keita, spiega una nota della Questura di Reggio Calabria, ponendo in essere reiterate condotte delittuose nei confronti di una donna nigeriana, l’aveva indotta a sporgere diverse denunce presso il Commissariato di pubblica sicurezza di Gioia Tauro, procurando nella donna un grave e perdurante stato di ansia, tale da giustificare la misura cautelare disposta dall’Autorità giudiziaria.

Il cittadino della Guinea è stato individuato dalla Polizia, intorno alle ore 16, all’interno della baraccopoli di San Ferdinando, e dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la casa circondariale di Reggio-Arghillà.