“Malasanitas” ai Riuniti di Reggio, condannati otto medici

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Donna muore dopo parto gemellare, inchiesta della Procura
Gli Ospedali riuniti di Reggio Calabria

Otto medici degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria sono stati condannati dal tribunale a conclusione del processo “Mala sanitas” su presunti errori compiuti nei reparti di ostetricia e ginecologia, di neonatologia e di anestesia coperti con la falsificazione delle cartelle cliniche.

I reati, a vario titolo, erano falso ideologico e materiale, soppressione, distruzione e occultamento di atti, interruzione di gravidanza senza il consenso della gestante.

I giudici hanno condannato l’ex primario di ginecologia Pasquale Vadalà (4 anni e 9 mesi); l’ex primario facente funzioni Alessandro Tripodi (4 anni e otto mesi); i ginecologi Filippo Saccà (4 anni e 6 mesi), Daniela Manuzio (6 anni e 2 mesi), Antonella Musella (4 anni); i neonatologi Maria Concetta Maio (4 anni); Massimo Sorace (4 anni); l’anestesista Luigi Grasso (2 anni e 3 mesi).

Assolti l’ex primario di anestesia Annibale Musitano e i ginecologi Roberto Pennisi e Marcello Tripodi. Caduta l’accusa di associazione per delinquere.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER