In piscina invece che al lavoro, arrestato

Protagonista un impiegato di una scuola di Villa San Giovanni sorpreso in flagranza dai finanzieri. Risponderà di false attestazioni e truffa aggravata ai danni dello Stato.

Carlomagno campagna Jeep Cherokee Novembre 2019
piscina
Archivio

Si allontanava arbitrariamente dal proprio posto di lavoro per recarsi quotidianamente in piscina. Per questo motivo, un impiegato di un istituto scolastico di Villa San Giovanni è stato arrestato, in flagranza di reato dai finanzieri della Compagnia di Reggio Calabria per false attestazioni o certificazioni e di truffa aggravata ai danni dello Stato.

Dall’attività di osservazione, pedinamento e controllo, i finanzieri hanno accertato gli allontanamenti nonostante l’impiegato risultasse presente al lavoro e senza che fosse stato in qualche modo autorizzato.

In un’occasione, le assenze sono state giustificate con autocertificazioni e certificazioni mediche risultate false, redatte usando indebitamente l’intestazione e le sottoscrizioni di una clinica cittadina. All’impiegato saranno applicati, dall’amministrazione di appartenenza, i provvedimenti previsti dalla legge “Madia” per l’interruzione del rapporto di impiego.