Rosarno, migrante trovato morto in campagna. Indagini

Un giovane bracciante ivoriano è stato trovato in un agrumeto con delle forbici conficcate tra testa e collo. Indagano i carabinieri


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

carabinieri in campagna

Il corpo senza vita di un migrante di nazionalità ivoriana, Ousmane Keita, di 22 anni, bracciante agricolo, domiciliato nella baraccopoli ministeriale di San Ferdinando, è stato trovato in un agrumeto nelle campagne di Rosarno, in contrada “Bosco”.

A scoprire il corpo senza vita del giovane sono state alcune persone che hanno poi allertato i Carabinieri del gruppo di Gioia Tauro.

I primi accertamenti condotti dal personale sanitario del 118 e dal medico legale intervenuto sul posto hanno consentito, allo stato, di escludere la presenza di segni di violenza sul corpo tali da far ritenere che il giovane possa essere rimasto vittima di un omicidio. In un primo momento si era sparsa la voce che il migrante era rimasto ferito con un paio di forbici industriali.

Intanto, il pm Daniele Scarpino, della Procura della Repubblica di Palmi, che coordina le indagini, ha disposto l’esame autoptico della salma al fine di poter stabilire l’esatta causa del decesso.

I Carabinieri, invece, già dal pomeriggio di ieri hanno iniziato a sentire alcuni testimoni per poter ricostruire dettagliatamente l’esatta dinamica della morte e gli ultimi momenti di vita di Keita.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER