Possedeva fucili clandestini, arrestato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I Carabinieri della stazione di Sant’Ilario dello Jonio assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno arrestato Rocco Renda, 23enne di Ciminà, accusato di detenzione di armi clandestine.

In particolare, nel corso di un rastrellamento e contestuale perquisizione nei terreni riconducibili al giovane, i militari dell’Arma hanno rinvenuto due fucili, rispettivamente marca Franchi calibro 20 con matricola abrasa, e uno modello Beretta calibro 12 con matricola punzonata.

Tutto il materiale, in ottimo stato, è stato trovato all’interno della fitta vegetazione in un terreno nella disponibilità del Renda conservati in due custodie di cuoio.

Tale attività ha già consentito, dall’inizio dell’anno, di ritrovare numerose armi e munizioni e, in particolare nelle zone periferiche dei comuni del circondario di Locri.

Analoghi rinvenimenti erano stati effettuati negli ultimi mesi dai militari del Gruppo Carabinieri di Locri nei territori di Sant’Ilario dello Jonio, di Locri, e di Ardore, dove i militari avevano rinvenuto altre armi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER