Tentano di fare esplodere una bombola, espulsi 5 marocchini irregolari

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Cinque cittadini di origine marocchina, irregolari sul territorio nazionale, sono stati rintracciati dai Carabinieri dopo aver minacciato di far esplodere una bombola.

Momenti di panico nella località costiera della Tonnara di Palmi, dove venerdì sera un gruppo di 5 marocchini ha provocato un allarme tra i residenti del posto che si sono immediatamente riversati per strada quando uno di questi, Mohamed Laaraky, classe 1987, ha minacciato di far esplodere sul lungomare una bombola di gas che aveva preso nell’abitazione dove, insieme agli altri connazionali, aveva trovato alloggio da pochi giorni grazie alla compiacenza del proprietario.

Verso le 18:30 Laaraky, in evidente stato di ebbrezza alcolica, è uscito dall’abitazione con la bombola, minacciando di morte i propri connazionali e tutte le persone presenti, appiccando fuoco con un accendino e provocando una fiammata di circa un metro, notata dai numerosi residenti del popolare rione.

Tra questi i più coraggiosi sono riusciti a strappargli dalle mani la bombola e a chiudere il rubinetto, spegnendo le fiamme. Quando i Carabinieri sono arrivati sul posto, a seguito di una telefonata alla centrale operativa, Laaraky è stato tradotto presso la caserma di Palmi, non prima di aver affermato di essere “il prescelto”, dove è stato trattenuto per svolgere gli accertamenti relativi alla regolarità della sua permanenza in Italia e per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER