Processo “Black Monkey”, per Femia e altri non c’è mafia: “Mancano le prove”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

aula giustizia processo“I collegamenti ed i rapporti” di Femia “con esponenti di organizzazioni mafiose non sono determinanti per dare la medesima qualificazione al gruppo da lui costituito che, una volta sorto ed in piena operatività, deve acquisire autonoma vitalità, non mutuabile dal carisma soggettivo del capo e tantomeno dalle relazioni personali di quest’ultimo”. Così i giudici della Corte d’Appello di Bologna motivano la loro decisione del 29 ottobre, di far cadere l’accusa di associazione mafiosa nel processo ‘Black Monkey’.

Secondo la Corte, infatti, il gruppo guidato da Nicola Femia, che faceva profitti con le slot, non era legato alla ‘Ndrangheta, ma si configurava una associazione ‘semplice’. E questo ha comportato una riduzione delle condanne e alcune assoluzioni per i 23 imputati. “Manca – scrivono ancora i giudici – la prova di un esercizio concreto e percepito fra i cittadini della forza di intimidazione, che deve derivare direttamente dal sodalizio e non dal singolo Femia Nicola”.

In primo grado, con l’aggravante mafiosa, erano stati condannati i 23 imputati con la pena più alta per Femia. L’operazione scattò nel 2013.

Dopo l’inizio della collaborazione con la giustizia di Nicola Femia vennero arrestate tre persone ritenute vicino ai Bellocco di Rosarno, ma ben radicate in Emilia Romagna. Secondo l’inchiesta “Scramble” gli arrestati avrebbero posto in essere un’estorsione mafiosa ai danni dei familiari del pentito.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM