Minacciò di morte l’arbitro dopo un rigore ripetuto, Daspo di 5 anni per allenatore


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Il questore di Reggio Calabria Maurizio Vallone ha emesso due provvedimenti di Divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive (Daspo).

Avrà la durata di 5 anni il Daspo nei confronti di A. G., di 41 anni, allenatore dell'”A.S.D. Ludos Ravagnese Calcio”, resosi responsabile dei disordini avvenuti occorsi l’8 febbraio, a Croce Valanidi, durante l’incontro con l’Africo, valevole per il Campionato di Promozione 2019/20.

Il tecnico, in quella circostanza, avrebbe minacciato di morte l’arbitro a causa dell’assegnazione e della ripetizione di un rigore a favore della squadra ospite dopodiché i suoi giocatori hanno accerchiato la terna arbitrale offendendola e minacciandola a loro volta.

Il secondo provvedimento, della durata di due anni, è stato emesso nei confronti di V. G.,(40), tifoso del Locri che si sarebbe reso responsabile dei disordini verificatosi a novembre in occasione dell’incontro con la Reggiomediterranea, valevole per il Campionato di Eccellenza 2019/20.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM