Coronavirus, docente positivo alla “Mediterranea”: Università chiude per sanificare

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Risale al 19 febbraio scorso l’ultima volta in cui il docente del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea, risultato positivo al coronavirus, è stato a Reggio Calabria. Il docente è ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania e la diagnosi ufficiale è arrivata martedì, 3 marzo. Le sue condizioni sono stabili e non destano preoccupazioni particolari.

Le aule didattiche chiuse dal 4 all’8 marzo nell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria a causa della disinfestazione per “misure precauzionali e di contenimento del rischio di contagio da Coronavirus”. A disporlo, con un proprio decreto, è stato il Rettore dell’ateneo reggino, Marcello Zimbone.

Inoltre, il Rettore ha disposto che le programmate sedute di laurea sempre da domani e fino al prossimo 19 marzo, saranno effettuate soltanto con la presenza in aula degli studenti, mentre i parenti e gli ospiti potranno seguire le cerimonie dall’esterno della cittadella universitaria per mezzo di canali telematici predisposti.

“Nella consapevolezza di condizionare il momento di gioia legato al raggiungimento dell’ambito traguardo – è scritto in un comunicato dell’Università ‘Mediterranea’ – tale misura, già preannunciata e poi meditata e maturata con la giusta attenzione e con grande dispiacere, si rende purtroppo necessaria per la tutela della salute”.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb