Preso rapinatore di poste grazie al dna

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

E’ stato incastrato dal dna, rilevato 10 anni fa sul luogo di una rapina nell’ufficio postale di Gioiosa Jonica. Tracce che sono rimaste per anni custodite negli archivi biologici dell’Arma e comparati oggi con quelle di un indagato che è risultato perfettamente compatibile. È finito così in manette, dopo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Locri un 30enne di Gioiosa Jonica.

L’uomo, è risultato essere il malvivente che, armato di coltello e coperto da passamontagna, avrebbe commesso una tentata rapina e una rapina agli uffici postali di Caraffa del Bianco (RC) nel 2018 e Gioiosa Jonica (RC), nel 2010.

È stato grazie ai rilievi dei Carabinieri sul luogo dell’ultimo tentato colpo a Caraffa del Bianco, a consentire l’individuazione del rapinatore, attraverso le testimonianze di chi si trovava in zona quel giorno, e grazie anche alle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza del paese, della caserma Carabinieri di Caraffa del Bianco e dell’ufficio postale.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb