E’ morto il maliano preso a bastonate da un connazionale nella baraccopoli di Taurianova

Dopo una violenta lite Daouda Sylla, di 31 anni, avrebbe colpito la vittima coetanea con un bastone. L'uomo era stato arrestato dai carabinieri di Taurianova dopo i fatti. Ora dovrà rispondere di omicidio

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

E’ morto nella tarda serata di ieri, nel reparto di rianimazione degli ospedali riuniti di Reggio Calabria dove era stato ricoverato dopo un primo passaggio nel nosocomio di Polistena, l’uomo di nazionalità maliana, 31 anni, aggredito a colpi di bastone da un connazionale al’interno della baraccopoli di Taurianova.

A colpire la vittima era stato un connazionale, Daouda Sylla, di 31 anni, noto per piccoli precedenti, arrestato dai carabinieri di Taurianova intervenuti sul posto. L’accusa nei confronti dell’aggressore, che inizialmente era di tentato omicidio aggravato si è tramutata adesso in quella di omicidio.

Secondo quanto emerso dalle prime indagini dei militari la lite tra i due connazionali sarebbe scoppiata per futili motivi per poi degenerare al punto che Sylla, dopo avere preso l’altro a bastonate, aveva tentato anche di colpirlo ulteriormente con una bombola di gas ma era stato fermato da altri cittadini centrafricani presenti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER