Truffe online, dieci denunciati nella Locride


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Vendite simulate, transazioni su internet e prodotti pagati e mai ricevuti. Sette truffe online sono state scoperte dai carabinieri della Compagnia di Bianco che hanno denunciato dieci persone di varie regioni italiane.

A rendere più agevole l’attività di chi s’ingegna di ingannare il prossimo anche le mutate abitudini dovute alla pandemia per coronavirus che, negli ultimi due mesi, ha consentito l’acuirsi del fenomeno. E proprio nella zona della Locride, tra San Luca e Bianco, si è verificata una serie di truffe telefoniche e online ai danni di residenti.

La dinamica sembra quasi sempre la stessa: la vittima ha la possibilità di fare un acquisto (ad esempio un’auto usata, un mini escavatore, un ciclomotore elettrico) ad un prezzo vantaggioso – magari attraverso le piattaforme di vendita online – e, pur di sfruttare l’occasione, anticipa al venditore un acconto.

Quest’ultimo, però, una volta ricevuti i soldi, non solo non completa alcuna vendita, ma si rende anche irreperibile. Le indagini dei Carabinieri sono state possibili grazie al coraggio e alla prontezza delle vittime, che non hanno avuto difficoltà a denunciare tempestivamente la truffa subita.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb