Confiscati beni per 25 milioni a medico ritenuto vicino alla ‘ndrangheta


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Guardia d finanza Reggio Calabria

Beni mobili e immobili per un valore di 25 milioni di euro sono stati confiscati dalla Guardia di finanza al medico chirurgo reggino, Francesco Cellini ritenuto contiguo alla ‘ndrangheta. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Dda reggina.

L’uomo, sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, è stato coinvolto nell’operazione “Sansone” condotta nel 2016 contro le cosche Condello di Reggio Calabria e Zito-Bertuca, Imerti-Buda di Villa San Giovanni.

Secondo l’accusa, come medico e legale rappresentante della cooperativa “Anphora” che gestisce la clinica Nova Salus avrebbe ricoverato mafiosi per evitargli il carcere e curato i latitanti Pasquale e Giovanni Tegano. Dagli accertamenti dei finanzieri, sono emerse anche condotte di evasione fiscale, falso in bilancio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti finalizzate al reimpiego di proventi illecitamente acquisiti.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb