Scoperti nel Reggino un bunker, armi, munizioni ed esplosivo

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Un bunker, posizionato nel sottotetto di un’abitazione e accessibile da due botole murate di cui una ricavata all’interno di una credenza, è stato scoperto dai carabinieri della Compagnia di Locri insieme a quelli dello Squadrone “Cacciatori” di Calabria nel corso di controlli disposti dal Gruppo carabinieri di Locri. Il locale, scoperto all’interno dell’abitazione di un 40enne a Ciminà, aveva una presa d’aria ottenuta con la finta cappa di aspirazione della cucina.

I militari, poi, in un terreno demaniale in località “Quarantena”, nascosta in un tubo in plastica, hanno trovato una pistola Glock, circa 600 cartucce di diverso calibro e 2 chili di polvere da sparo con circa 35 metri di miccia a lenta combustione.

I carabinieri artificieri antisabotaggio del Reparto operativo del Comando provinciale di Reggio Calabria, hanno messo in sicurezza il sito, campionato il materiale esplosivo, lo hanno analizzato e poi, su disposizione dell’autorità giudiziaria, lo hanno distrutto facendo esplodere. La pistola è stata inviata ai carabinieri del Ris di Messina per gli accertamenti.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb